Il diario di Adamo ed Eva

TITOLO: Il diario di Adamo ed Eva

AUTORE: Mark Twain

EDITORE: Feltrinelli; Cavallo di Ferro; Bordeaux; Stampa Alternativa

GENERE: Umoristico

TRAMA: Adamo è il primo uomo sulla Terra, anzi in quello che chiama il Giardino dell’Eden. Si gode la pace, la continua scoperta del mondo. E poi arriva Eva. Che vuole dare un nome a tutto, che segue Adamo, che parla, parla e poi ancora parla, fino a sfinirlo. I due si sistemano, almeno fino a quando non sono cacciati per aver mangiato la mela proibita e si devono rifare una vita. Insieme. Poi la nascita di Caino e Abele, fino alla morte di Eva.

Jennie contro Berry, donna contro uomo. Gemello contro gemello. A colpi di genetica, a colpi di scena.

GIUDIZIO: Un racconto breve per pubblicizzare le cascate del Niagara, dipinte come il giardino dell’Eden. Un racconto ironico, frizzante con cui Twain tratteggia il rapporto tra uomo e donna. Meglio di molti trattati di psicologia. Più graffiante, più scorrevole. Accurato ma piacevole. Sorprende lo stupore. Già, lo stupore. Quello della prima donna davanti alla Luna, quello dell’uomo davanti al mistero dei figli. Quello del marito di fronte alla perdita della moglie. Una storia d’amore e di stupore. Ecco cos’è, in ultima analisi, il Diario di Adamo ed Eva. E funziona.